L'Area Marina Protetta di Portofino

La Riserva marina di Portofino è un luogo rinomato per la pratica della subacquea, con svariati punti di immersione di interesse sia naturalistico che storico.

Il nostro Diving offre ai suoi ospiti la possibilità di visitare i tutti i siti di immersione, raggiungibili con una breve navigazione sul nostro gommone attrezzato. Le nostre guide vi faranno scoprire il fascino del nostro meraviglioso Mediterraneo.

ISUELA

L'Isuela è uno dei punti di immersione più affascinanti.Costantemente investita da correnti ricchissime di plancton; in quest'area sono interessate le più piccole specie ittiche fino ai pesci più grandi, quali ad esempio i pelagici, che sulla secca sono una presenza quasi costante; così come ricciole, dentici,tonni, lecce, caratterizzano quell'insieme di pesci che nella giusta stagione arricchiscono la già numerosa popolazione animale e vegetale.

PROFONDITA' MAX: 40m

SCOGLIO DEL DIAMANTE

Scendendo fino a una trentina di metri, si trova una parete verticale in cui abbondano gorgonie rosse, spesso sormontate da splendidi crinoidi.I grandi massi ai piedi della parete, formano un'infinità di grotte e passaggi. La fascia a cui si può dedicare maggiore attenzione è la fascia compresa tra i 35 e i 20 metri; qui, l'addossarsi di massi crea l'ambiente ideale sia per le cernie che per le corvine, le quali presentano uno splendido dorso grigio scuro con riflessi giallo-verdi.

PROFONDITA' MAX: 35m

IL DRAGONE

Il Dragone è una delle immersioni più varie per quanto riguarda gli ambienti che si possono visitare: si passa dalle pareti ricche di corallo e gorgonie,a tetti sospesi, per poi arrivare a nuotare intorno a grossi blocchi di rocce che presentano un intricato susseguirsi di canali e passaggi. La conformazione delle pareti, che scendono in verticale fino sul fondo e la profondità variabile tra i 25 e i 40 metri e oltre, rendono questa immersione di livello medio-difficile

PROFONDITA' MAX: 40m

CRISTO
DEGLI
ABISSI

L'immersione al Cristo degli Abissi è una meta obbligatoria per chi scende sott'acqua almeno una volta nella vita. La statua di bronzo, opera dello scultore genovese Guido Galletti su calata su un fondale di 18 metri, nell'agosto del 1954, per volere dell'indimenticabile pioniere e maestro della subacquea Duilio Marcante. Fu scelto il lato orientale del seno di San Fruttuoso, a poche centinaia di metri dall'abitato

PROFONDITA' MAX: 18m

SECCA GONZATTI

Il versante a levante è completamente ricoperto da eunicella, ed è il luogo dove si incontrano pure pesci luna e dentici. Particolarmente attraente è il versante che si affaccia a meridione: scende verticalmente fino a 25 metri, poi forma un breve gradino ricoperto da posidonia oceanica, rituffandosi poi fino a 45 metri. Questa zona è talmente ricca di specie animali e vegetali, tale da fornire molti spunti d'osservazione e di studio ad un biologo marino.

PROFONDITA' MAX: 45m

TORRETTA

La Punta della Torretta è l'estremità che divide le più famose insenature del Promontorio di Portofino, la Cala dell'Oro e il seno di San Fruttuoso a levante. Proprio a levante offre un interessantissimo punto di immersione, in prossimità di alcuni scalini che portano ad una piazza in cemento. La peculiarità dell'immersione è la parete che origina un vero e proprio muro parallelo alla costa, sul quale si trovano molti rami di PARAMURICEA

PROFONDITA' MAX: 40m

GROTTA DEI GAMBERI

La "Grotta dei gamberi" è caratterizzata da una stretta e profonda spaccatura in diagonale nella falesia sommersa, il cui fondo è completamente ricoperto di miriadi di gamberi del genere Parapandalus.

PROFONDITA' MAX: 38m

INDIANO

L'esplorazione risulta piacevolmente interessante, e, considerata la ridotta profondità, non comporta un particolare impegno. A bassa profondità si può osservare una quantità notevole di CODIUM BURSA, un'alga verde conosciuta più comunemente come palla marina, per la sua forma.

PROFONDITA' MAX: 30m

TARGHETTA

Si trova dopo Punta Chiappa, precisamente è il lato estremo a levante della Cala di Punta Chiappa. Subito dopo aver guadagnato il fondo, mantenendo la parete sulla propria sinistra, si possono ammirare numerosi parazoanthus, disposti ad ornare anfratti e fenditure colonizzate da corallo rosso. Nei fondali sono presenti anche alcuni spirografi, conosciuti anche con il nome di ciuffi di mare.

PROFONDITA' MAX: 40m

COLOMBARA

La Grotta della Colombara si trova a levante dell'insenatura di San Fruttuoso. E' un luogo molto frequentato dai sub; l'immersione nella Colombara si sviluppa ad Oriente della dorsale e scende fino a raggiungere la profondità massima di 39 metri. Particolarità dell'immersione è l'esplorazione di tre grotte che si trovano rispettivamente ad una profondità di 33, 20 e 8 metri dalla superficie; la più profonda assomiglia ad un'ampia cavità cieca.

PROFONDITA' MAX: 39m

RAVIOLO

E' definito "raviolo" dai pescatori e dagli operatori dei diving center locali, ed è uno scoglio semiaffiorante dal mare, compreso tra la targa Gonzatti e la testa del Leone. La roccia, ricoperta da eunicella, scende verticalmente fino a 15 metri di profondità per poi continuare il declivio su cui si alternano scogli ricoperti da gorgonie rosse. Peculiarità dell'immersione al raviolo sono due grotte, che, pur presentando caratteristiche simili, sono ben diverse.

PROFONDITA' MAX: 40m

TESTA DEL LEONE

Così chiamato perchè sulla costa si trova una sporgenza rocciosa, che vista di profilo, ricorda il re della foresta.Questo tratto di costa è tra i più ripidi del promontorio. L'esplorazione va svolta nella fascia di 30 metri. L'area di perlustrazione è abbastanza ampia. Nel fondale sono interessanti i grossi massi che formano spaccature e grotte nella quale si annidano spesso gronchi e mustelle .

PROFONDITA' MAX: 40m

ALTARE

Punta Altare si trova all'estremità di levante della Cala Raffinale. E' una tra le più affascinanti immersioni di tutto il promontorio di Portofino, non tanto per le speci ittiche che si trovano, quanto per le scenografie dell'ambiente sottomarino. Resta comunque una tra le immersioni più impegnative a causa della profondità.

PROFONDITA' MAX: 40m

CHIESA DI S. GIORGIO

Dopo essere discesi sulla catenaria fino alla quota di ca. 20 mt ci dirigiamo verso ponente attraversando un'ampia franata che parte da una quota di 35 mt per arrivare a ca. 10 mt. La franata è caratterizzata da ampie spaccature e cavità ricche di corallo rosso mentre sulle pareti in corrente si incontrano bei rami di gorgonie rosse.Incontri comuni sono cernie, murene, dentici, corvine e gronghi.

PROFONDITA' MAX: 35m

FARO

Considerata la morfologia del fondo e la sua posizione, quest' immersione e senz'altro tra le più versatili e ricche di pesce di tutto il promontorio. Si può sceglire tra un itinerario in acqua bassa seguendo la linea costiera, oppure di scendere in profondità.

PROFONDITA' MAX: 40m

CASA DEL SINDACO

La costa ovest oltre i 20 metri, offre una ricchezza eccezionale di anfratti, dove soggiornano molte specie animali e vegetali. Anche qui appaiono gorgonie gialle, nudibranchi, pesci stanziali e, sporadicamente, di passo, qualche rametto di corallo rosso.

PROFONDITA' MAX: 40m

PUNTA VESSINARO

Si trova ad Oriente di Punta Altare. Il tratto iniziale è costituito in prevalenza da massi frananti e, più in profondità da limo e sassi. Si possono trovare colonie di eunicella e tra i massi e il fondale si possono sorprendere sgargianti triglie. Volendo protrarre l'immersione si scoprono sul fango altri piccoli gioielli di Portofino, infatti superando la quota di 50 metri è facile ammirare rami di lophogorgia di diverse specie e qualche ramo di eunicella verrucosa.

PROFONDITA' MAX: 40m

  • w-facebook
  • White Twitter Icon
  • White Instagram Icon
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now